Una giornata con Hideo Baba

Mi ci è voluto un po’ per metabolizzare l’emozione e l’accaduto, ma ora finalmente mi sento di parlare della giornata con Hideo Baba.

Vorrei iniziare il post dicendo quanto Tales of mi abbia dato in questi anni, sia videoludicamente che umanamente, sono grata a questa serie per avermi fatto capire quanto sia profonda la mia passione per i videogiochi per cui vivo e per tutte le persone straordinarie che ho conosciuto in otto anni.

Spero di esser stata all’altezza e di esser riuscita a rappresentare degnamente la fanbase italiana, se l’avessi saputo prima vi avrei chiesto se volevate che chiedessi a Baba qualcosa di preciso, ma purtroppo non c’è stato tempo.

Partendo dall’inizio, mi sono alzata alle 4 e per fortuna il viaggio in treno è andato bene, senza nessun ritardo(!), così alle 7:40 ero già con Neyla a Milano Centrale.

Mi perderei nei dettagli di quanto mi abbia fatto piacere conoscerla e di quanto sia stata bene in sua compagnia, ma non vorrei tediarvi troppo e finire in voli nostalgici fin troppo personali.

L’ufficio di Namco Bandai non è molto semplice da raggiungere, dalla stazione ci sono voluti minimo 40\50 minuti ed un cambio tram\metro, se fossi stata da sola sicuramente mi sarei persa *humm*.

Siamo arrivate per prime (yay!) con diverso anticipo ( l’appuntamento era per le 9:30), lo staff però è stato molto gentile e ci ha fatto entrare prima.

Saliamo al terzo piano, ci aprono la porta dell’ufficio e ci troviamo davanti un mega poster di Tales of Xillia, personalmente lo avrei rubato prima di subito.

Neanche il tempo di guardarci attorno, ci troviamo a sorpresa Hideo Baba davanti.

Panico.

L’emozione è stata fortissima, non pensavamo che fosse già lì, avevo il peluche di Tipo fatto da Neyla in braccio ed appena l’ha visto ci ha fatto vedere il suo e ci ha accolte e salutate con “konnichiwa”.

Sia io che Neyla non ci aspettavamo che quel peluche fosse così grande e morbido, in foto non lo sembrava!

Gli studi Namco Bandai sono molto belli, luminosi e gialli, c’erano diversi posters dove pubblicizzavano Ni no Kuni, Naruto e One Piece, diversa merchandise sparsa e sul bancone principale c’erano dei peluches di Pac-Man ad accoglierci (!).


Do want!

Lo staff ci ha offerto dei dolcetti e del caffè, ma eravamo così emozionati che nessuno di noi ha toccato nulla.

Nel mentre che aspettavamo l’inizio della conferenza, ho fatto diverse foto e alcune persone importanti fra giornalisti&Co. ci hanno stretto la mano(!).

Non so a che ora sia iniziata e finita la conferenza, ma entriamo in questa stanza (ahimè molto piccola!) ed involontariamente ho avuto la sedia più vicina a Baba trovandomelo a meno di due metri.

Ad un certo punto è anche inciampato sul cavo della PS3, me lo sono ritrovato ai miei piedi, come ho già detto la stanza era minuscola ed era già un miracolo vedere un tavolo, un proiettore, una PS3 ed un portatile.

In tutto, esagerando credo, saremo stati circa quindici\venti persone, ci siamo sentiti gli “eletti” in tutti i sensi.

Baba ovviamente parlava in giapponese, la sua interprete in inglese.

Ci è stata fatta una breve introduzione alla serie, ci ha spiegato quanto sia importante diffondere Tales of e soprattutto ci ha detto quanto abbia insistito per una localizzazione in italiano.

La presentazione ovviamente riguardava anche il gameplay, Baba stesso si è messo a giocare, mai avrei creduto che avrei visto una scena del genere!

Durante il primo scontro poi, era così preso che si è dimenticato di farci vedere gli attacchi combinati, ma effettivamente in ToX più combatti e più continueresti.

Seguono un trailer, tre skits (“bariboo” da noi sarà tradotto come “meloni”) ed un video divertente sugli attachments con la scena iniziale reinterpretata (Jude con coda e muso da cane e Milla con un paio di occhiali assurdi lol).

Ci hanno anche mostrato l’opening di Milla, su grande schermo e con gli altoparlanti è da orgasmo.

Baba ci ha anche fatto vedere da vicino come sarà la limited, l’action figure di Milla è carina, ma insieme a Neyla ci troviamo di nuovo a concordare che costi troppo.

Appena finita la presentazione, abbiamo avuto l’onore di avere Baba tutto per noi ancor prima dei giornalisti.

Ho fatto firmare le mie copertine di Tales of Xillia e Tales of Vesperia (pal), insieme a Neyla siamo state le uniche ad avere questa idea dell’autografo sui giochi.

Posso dire che amo questo mini poster e che piuttosto di cederlo dovreste passare sul mio cadavere?

Ci hanno anche dato dei cartoncini firmati, Baba è stato disponibilissimo pure per delle foto, appena ho pronunciato la parola “shashin” (foto in giapponese), ci ha dato il suo consenso.

Ho fatto una foto con lui dove purtroppo potevo venire meglio ed una di gruppo che vorrei postare integralmente su Facebook, ma prima devo chiedere il consenso di Neyla, pensavo che non avrei mai mostrato il mio volto ma per questa volta sono riuscita a vincere l’imbarazzo ed a prendermi una piccola rivincita personale verso chi credeva che la mia passione non mi avrebbe mai portato a nulla.

 photo fotobabatmc_zps8b203b0c.png
Momento indimenticabile ed un po’ derposo per me.

Qui ho deciso di postare la versione “censurata”, se volete però vi mando un messaggio privato e vi faccio sapere come mi chiamo su Facebook.

Passando al question time, un ragazzo si è lanciato e gli ha chiesto di Tales of Symphonia: Perfect Edition.

Baba ci ha risposto di esserne rimasto sorpreso, non ci ha detto letteralmente no, è un rumor e non può confermare nulla, è stato elusivo a riguardo ed io ho insistito che a noi piacerebbe molto vederlo in futuro.
Per Tales of Vesperia PS3 è stato chiarissimo, vogliono concentrarsi sui nuovi titoli e NON lo porteranno mai, è così esaurito di sentire questa domanda che ha preso Tipo per il collo, mi unisco alla campagna di sensibilizzazione lanciata da Neyla: “ogni volta che chiedete ad Hideo Baba di ToV PS3, un Tipo muore, fermate questa strage se avete un cuore!”.

Ovviamente da buon giapponese ( lo sapevate che è di Tokyo e che ha studiato lingue?), si è subito ricomposto e nonostante la perfida domanda, ci ha risposto sorridendo.

Un altra domanda, è stato l’infame “Sword of Legendia”, personalmente avrei dato una gomitata a chi lo ha chiesto, è stato cancellato molto tempo fa e non è del Tales Studio, viva l’informazione!.

E’ stato chiesto ( dall’amico di Haseo san ), se ci sono piani per far uscire anche da noi i Tales of su PSVita, essendo al momento il nome più appropriato PSMorta ci ha detto “forse, vedremo”.

Neyla invece ha chiesto di un futuro anime per Tales of Xillia, per ora non è nei piani, incrociamo le dita per il futuro però, a molti piacerebbe!

Abbiamo anche appurato che non hanno mai cancellato nessun Tales, peccato che anche questa domanda sia già stata chiesta un anno fa quando Baba faceva i video promo per Graces f.

E’ stato confermato Tales of Xillia 2, pensavo di comprarlo in giapponese ma a questo punto aspetto, ci è stato anche promesso che non passeranno mai più anni per localizzare Tales e che cercheranno di organizzare altri eventi italiani con Baba, era l’ora direi.

Dalla mia, gli ho parlato di “Fly Away”quando hanno accennato di “diffondere la voce fra gli amici”, ero così agitata che non trovavo le parole, avrei voluto dirgli molto di più e con un inglese degno dei miei studi ma l’emozione…argh!

Un ragazzo invece è riuscito pure a parlargli in keigo ( è la “lingua” che si utilizza nei rapporti di affari ), sono gelosa perché voglio anch’io tornare a studiare giapponese, spero di riuscire ad iscrivermi ad uno dei corsi al CELSO ( è l’istituto ufficiale di lingue orientali di Genova ) dopo l’estate *random nota*.

Ovviamente c’era anche il gioco da provare.

Quando ha preso il pad Neyla, è apparso magicamente Alvin come avatar, io volevo unirmi con Jude o Milla ma il secondo controller non funzionava, peccato!

La localizzazione non sembra fatta male e per il doppiaggio mi sono ricreduta, certo, certe voci non sono il massimo (Tipo e Milla soprattutto), ma il risultato finale è più che passabile.

Le ore sono volate e nessuno voleva andare via, come sarebbe bello lavorare lì, il ragazzo del keigo infatti gli ha pure consegnato il curriculum *chi non lo avrebbe fatto*.

Baba è passato a salutarci, in tutta la mattinata lo avrà fatto come minimo cinque volte, poi quando passava ci guardava e ridacchiava, che uomo simpatico lol.

Prima di esser presi e portati via di peso, sempre con Baba abbiamo alzato un pugno al cielo al suono di “Tales, Tales, Tales!”…vi prego, riportatemi a quel momento.

Il gruppo dei “prescelti” Zelos e Colette è stato anche a pranzo assieme, abbiamo ancora parlato di Tales of davanti ad una deliziosa pizza, si può desiderare di più? Fra l’altro ho anche ricominciato a vestirmi in Gothic Lolita, avevo la petticoat che mi faceva la gonna un sacco puffosa *cough*

Verso le ore 16\17 siamo tornate alla stazione, i saluti sono sempre tristi, ma spero che ci saranno altre occasioni per rivedere Neyla.

Ringrazio tutti, da chi mi ha sostenuta ed è stato mio amico durante questi anni, Spaziogames, lo staff Namco Bandai per averci offerto questa possibilità, Baba e Tales of per averci regalato tutte queste emozioni : GRAZIE!

0 commenti

  1. “ogni volta che chiedete ad Hideo Baba di ToV PS3, un Tipo muore, fermate questa strage se avete un cuore!”
    Hai fatto anche la rima! XD Davvero, ho visto proprio male il suo peluche °_°
    Essì, io ho il potere di fare apparire Alvin ovunque u_u (magari T_T)

    Cmq ribadisco anche qui che è stato davvero un piacere conoscerti! *non smetterà mai di farlo*

  2. Ma perchè la foto con il logo dell’uomo che ride? XD
    BTW a quanto ho capito hanno selezionato anche gente veramente messa li a pera visto le domande fuori luogo/fatte tanto per. Quanti eravate?

    L’autografo sui giochi è una dritta comunque, anche io ne ho qualcosa del genere nella mia confezione prima o poi mi ci ripagheranno la pensione u_u
    Adesso devo attrezzarmi per farmi raccontare tutto in chat :V

  3. x Neyla: non mi ero accorta di aver fatto la rima XD, povero Tipo…°_°

    A costo di esser ripetitiva, idem anche per me! ;_;

    x Wanicola: E’ per non spaventare i miei lettori con la mia derpaggine u_u.

    Eravamo cinque, le domande fuori luogo sono state fatte da una sola persona (…), se ti va poi ti racconto tutto per bene.

    Ti ho mandato un PM su Facebook, se puoi leggilo per favore T_T.

  4. Macché derpaggine, adesso sono curioso di vedere la foto di gruppo XD
    Comunque ho visto e risposto, anzi se mi mandi un sms al telefono mi riannoto il numero perchè la SIM la sto usando su un altro telefono, ma sono senza rubrica :\

  5. Avrei tanto voluto esserci anch’io e poter stringere la mano a Baba-san, posso solo immaginare che figata stare in gruppo tutto il pomeriggio a parlare di Tales of (io ho solo un’amica che ci gioca), ho visto le foto e baba-san mi sembra un tipo molto simpatico.
    Penso che tu lo sappia già ma te lo ricordo lo stesso XD ce un contest riguardanti le skit.

  6. Dopo tanti anni ormai mi ero convinta che un nuovo Tales of in italiano me lo sarei solo sognato. A parte Phantasia e Symphonia 2 nessuno si era mai preso la briga di tradurli, e ciò ha contribuito a renderli giochi di nicchia, un po’ come Shin Megami Tensei, quando sono tra i giochi di ruolo più colorati (in senso letterale; le storie sono spesso strappalacrime) e curati a livello di gameplay e personaggi che sia possibile trovare sugli scaffali. Scoprire che Baba possiede un tale riguardo nei confronti di noi poveri italiani è stato meraviglioso, e mi fa continuare a sperare nei Tales of per Vita (non la comprerò finché non uscirà un Jrpg, sia ben chiaro!). In verità, però, avrei sperato in news riguardo Tales of Destiny, Destiny 2, Legendia e soprattutto Rebirth; ucciderei pur di poter costringere i miei fratelli a giocarli!

  7. x jbc.irving: non solo lo sembra ma lo è davvero, un ragazzo aveva perso la fotocamera e lui ha abbandonato il pranzo per cercarla! o_o

    Grazie per avermi avvertita, purtroppo non parteciperò T_T.

    x Blueyestarling: tanti sperano in una traduzione dei passati titoli ma purtroppo nulla. Ci sono alcune fantraslation però se ti interessano!

  8. *___________* non so come esprimere la mia gioia è stata un occasione pazzesca che sei riuscita a cogliere al volo! una giornata che non scorderai più questo è cerot!

  9. Io continuo a immaginarmi, e penso che la vedrò vista la tendenza, una Tales of HD Collection con Symphonia, Abyss e Vesperia. *sparisce dopo l’audace previsione*

  10. Vorrei muovere una piccola critica a Tales of Symphonia, sperando di non essere linciata per questo: lo stile non va!
    Il toon shading è perfetto per parecchi generi, ma per non per un gioco di ruolo di questo calibro, perché impedisce alla gente non iniziata di prenderlo sul serio, sebbene la storia sia invece toccante e piena di momenti drammatici. Ho provato ad immaginarmi mentre lo propongo a qualcuno, e la prima cosa che gli direi è di non far caso a quanto cartoonish e stilizzati siano i personaggi, quando la stragrande maggioranza dei giocatori ormai acquista solo usando gli occhi e non il cervello. Se almeno si potesse creare un remake comparabile visivamente a Tales of the Abyss avrebbe un successo enorme, dato che storia e personaggi sono insuperabili (è il mio Tales of preferito assieme a Destiny), mentre lasciarlo così com’é sarebbe un’occasione perduta. Inoltre il bestiario andrebbe omologato a quello dei Tales of più moderni, dato che è pieno di design generici, e forse andrebbe rifatto il doppiaggio. Ecco, e spero di non aver offeso nessuno …

    Non fosse altro per far conoscere questi giochi a chi non li ha mai potuti provare, a me sembra abbastanza inutile una simile HD collection, soprattutto per Vesperia. Ma se il remake di Wind Waker dovesse essere effettivamente più bello dell’originale, allora forse cambierò idea.

  11. Non ti preoccupare, qui tutti possono esprimere la loro opinione in totale tranquillità.

    Se da una parte riconosco che molti diano eccessiva importanza alla grafica e che cambiandola probabilmente avrebbe più consensi dandoti ragione, da una parte mi ricorda i tempi di Wind Waker, snobbato e criticato da molti, eppure tanti lo amarono e personalmente non lo avrei mai voluto diverso, idem per ToS.

    Per me non è lo stile “cartonesco” a sminuire un’opera e non dovrebbe esser demonizzato, ogni gioco ha una sua caratterizzazione e seguendo quest’ottica allora tanti piccoli capolavori non dovrebbero neanche esistere o esser presi in considerazione.

    Il doppiaggio al tempo secondo me non era male, l’ho giocato da ragazzina ma non ricordo particolari orrori quindi se potessi farmi qualche esempio mi sarebbe d’aiuto, idem per il bestiario :\.

  12. Molti dei tipi che criticarono Wind Waker (il mio Zelda preferito di gran lunga) quando uscì ora lo lodano, e lo fanno proprio in apprezzamento alla grafica che tanto odiavano. Ma questo fenomeno, a parer mio, deriva da un grave fraintendimento. Questa gente era convinta che avrebbe rivisto un nuovo gioco alla Majora’s Mask, con tanto di momenti e personaggi inquietanti, oltre ad un particolare genere di epicità che fino ad ora non è più stato ripetuto dai tempi di Ocarina of Time; Wind Waker non ha niente in comune con questi due giochi, perché è un gioco solare e volto all’esplorazione libera, per cui è subito chiaro dopo averlo provato che quello stile grafico, oltre ad essere gradevole e dolcissimo, è anche perfetto per il gameplay. Tales of Symphonia, invece, sembra secondo me soffrire dello stesso handicap di Final Fantasy VII, con una grafica rivoluzionaria ed eppure legata a compromessi tecnici, non esistenti nei titoli bidimensionali come Phantasia, o invece risolti in quelli successivi, come Abyss. Ammetto di non essermi informata (quando Symphonia uscì non possedevo neppure Internet), ma io ritengo che se ne avesse avuta la possibilità, allora la Namco avrebbe creato dei modelli di personaggi ben proporzionati, come in Dawn of the New World. Non è ovviamente brutto da vedere come Final Fantasy VII (gli scenari! Vi è mai capitato di restare impigliati negli scenari?!), o che sia invecchiato particolarmente male, ma se dovessero riproporlo, magari in HD, secondo me varrebbe la pena “aggiornarlo”. Non capisco perché Tales of Innocence si meriti questo trattamento e Symphonia no.
    La faccenda del bestiario deriva dal fatto che adoro i mostri apparsi da Abyss in poi: sono deliziosi, e ormai anche familiari, come i Pokémon, non dal fatto che quelli di Symphonia siano brutti. E il doppiaggio … non saprei. Il fatto è che mi sembra un poco statico. Mia sorella ed io ci divertivamo a ridoppiare i dialoghi aggiungendoci la dose di brio mancante, ed aveva molto più senso.

    Mi sono accorta che nei miei post parlo troppo … dovrei imparare a riassumere meglio; vi prego di sopportarmi.

  13. Capirei una rifinitura o un piccolo miglioramento della grafica, ma il toon shading e Tales of Symphonia sono un’entità unica e indivisibile. Tales of Symphonia È quello che è in buona parte per la sua grafica.
    La deformazione spaziale dei modelli dei personaggi è ciò che li rendi caratteristici oltre che belli e non c’è paragone fra i modelli di Symphonia e del suo pseudo-sequel: I modelli di Dawn of the New World non hanno personalità.
    Riguardo la questione del toon-shading e della drammaticità non vedo proprio il punto della tua osservazione. Se uno associa uno stile grafico a determinate emozioni quello non è che un limite personale con cui è lui stesso a doversi confrontare e non certo un parametro che uno sviluppatore dovrebbe considerare durante il concepimento dell’identità stilistica del videogioco.
    Il bestiario di Symphonia è a mio modo di vedere molto più elegante di quello di Dawn of the New World o di quello di Graces, ma quelli sono gusti.

    Io non voglio linciare nessuno, ma la mia opinione è quella e non cambia di una virgola. 🙂

  14. Io non trovo personalmente che i modelli dei nuovi tales manchino di personalità, ma forse dovrei analizzarli meglio (sia mai che difenda Dawn of the New World, sia ben chiaro). La mia critica parte dal fatto che in tutte le sue apparizioni successive (e nelle poche cut scene animate) il cast è apparso proporzionato, e lo stesso vale per quelli dei Tales precedenti. La lagna riguardante il bestiario deriva invece dal fatto che sono molto affezionata a quel pugno di mostri che ormai sono una presenza fissa nella serie, e nei titoli passati mancano ( è questione di gusti, lo so, ma vado pazza per gli Axebeaks!).
    Avete assolutamente ragione a difendere lo stile che caratterizza un gioco rispetto ad un altro e forse ho esagerato a criticare tanto il toon shading in modo assoluto, ma io in certi particolari momenti l’ho odiato, e ho ancora di più odiato la carenza di espressioni e di animazioni nei singoli personaggi. Probabilmente uno stile più realistico rovinerebbe il gioco, ma pur mantenendo il cell shading, che a me piace, i modelli andrebbero aggiustati, perché mi hanno influenzato l’esperienza di gioco, un po’ come quelli di Final Fantasy IX (va detto che nelle cut scene lì i personaggi restano deformati). Comunque si tratta di una mia opinione: so bene che i fans si rivolterebbero se un gioco tanto bello venisse alterato drasticamente, ed avrebbero ragione.

    E’ vero: non esiste un rapporto univoco tra emozioni e stili grafici, ma non è sbagliato secondo me cercare un equilibrio personale, un’interpretazione di ciò che gli sviluppatori hanno voluto rendere. Capita anche nei titoli migliori di incontrare una stonatura che magari esiste solamente nella nostra visione personale, e disgraziatamente a me succede spesso.

  15. Capisco cosa vuoi dire, le opinioni sono opinioni.
    Comunque non ho parlato dei “modelli dei nuovi tales” ma dei “modelli di Dawn of the New World”, che a mio modo di vedere banalizzano il vecchio cast.
    Ciò non toglie che non sono minimamente d’accordo con ciò che dici, sto giocando a Final Fantasy IX proprio adesso e trovo che quella che tu trovi una deformazione fastidiosa nelle cut-scene sia bello, caratterizzante e artistico.

  16. I personaggi di Final Fantasy IX sono oggettivamente fantastici, probabilmente il miglior cast mai trovato in un Final Fantasy, ma bisogna considerare’ che a parte Steiner, e forse Amarant, nessuno tra di loro è umano. Comunque Zidane in dissidia è proporzionato, e secondo me mantiene alla perfezione la propria personalità (anche perché per appiattire un tipetto del genere bisognerebbe passarci sopra un rullo compressore).
    Non ho nessun problema con Vivi, ovviamente, ma a me Eiko appare un po’ inquietante con quel testone … e la la regina è troooppo grassa. Più che caratterizzazione la sua sembra una caricatura, ed è invece un personaggio da prendere sul serio.
    Il mio punto è che le cut scene sono talmente realistiche che sembra di vedere un mondo composto da persone realmente deformi, e a me la cosa spaventa un po’.

    Se dicessi che Final Fantasy VIII è migliore del IX per questa sola ragione la mia sarebbe una presa di posizione dogmatica; ma non lo sarebbe anche affermare il contrario?

  17. A me piace il “design simbolista” che fa uso di caricature, le quali trovo si possano prendere sul serio. Non penso serva proseguire la conversazione, semplicemente io apprezzo molto la scarsa aderenza alle propozione umane di molti personaggi e tu no.
    Con “Personalità” io non intendo il carattere, ma la caratterizzazione generale del personaggio, chiaramente. Banalizzare un personaggio in un sequel è decaratterizzarlo rispetto all’originale.

  18. Mi ha fatto piacere leggere i vostri commenti, avete fatto entrambi osservazioni interessanti, dalla mia non mi sento di ripetermi, ciò che ho scritto nel mi ultimo commento è ciò che ho sempre pensato e che continuo a pensare tutt’ora.

  19. Sono troppo contenta per l’opportunità che hai avuto!! E con tutta la passione che avete dimostrato in anni e anni tu e Neyla, siete state due degnissime rappresentanti di Tales in Italia! Sono certa che a Baba san sia rimasto più il vostro spirito entusiasta che le domande fuori luogo di altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *