Una delle poche cose “positive” del lockdown è stata la possibilità di recuperare alcuni anime lasciati nel limbo del “…prima o poi lo recupero”.

Non so quale magia mi abbia portato a sfogliare il catalogo di Netflix e scegliere proprio QUELLA SERIE tra le tante che ho in arretrato, ma ora posso finalmente dire di avere colmato una gravissima lacuna: JOJO.

Chi non ha mai sentito parlare di Jojo’s Bizarre Adventure? Tra un meme e l’altro è impossibile non conoscere le pose assurde dei personaggi, WRYYYYY e ORAORAORAORA!
Non pensavo di entrare nel JoJo hell solamente guardando le serie animate, pensare che nel lontano 2013 avevo presenziato alla conferenza stampa di JoJo’s Bizarre Adventure: All Stars Battle senza sapere nulla di nulla sulla serie.

Mi feci fare l’autografo e una foto assieme a Hiroshi Matsuyama (presidente di CyberConnect2) e fu veramente una bellissima esperienza. Matsuyama ha tutta la mia stima, si presentò vestito da Rohan e fu molto giocoso e amichevole con tutti…un grande insomma!

Mi dispiace per la qualità, al tempo avevo una macchina fotografica pessima.

Comprai anche il gioco alla Games Week. Lo giocai tutto senza aver mai letto il manga e riuscì comunque ad adorarlo nonostante ciò.
Mi dispiace che il più recente Jojo’s Bizarre Adventure: Eyes of Heaven non abbia raggiunto l’epicità del predecessore, non fraintendetemi, quest’ultimo non è un brutto gioco ma a livello di gameplay è veramente legnoso. L’ho trovato un esperimento mezzo riuscito, i personaggi e le atmosfere del mondo di Araki sono state colte appieno, peccato che a livello di giocabilità non ci siamo proprio.
Se non lo avete ancora giocato, vi consiglio JoJo’s Bizarre Adventure: All Stars Battle prima di Jojo’s Bizarre Adventure: Eyes of Heaven. Non ve ne pentirete.

Questo però non è articolo per recensire dei videogiochi, alla fine da ex redattrice finisco sempre per perdermi in recensioni ahaha…

Come in una bizzarra avventura ho conosciuto prima il videogioco (…e io in realtà ero a quella conferenza per Hideo Baba di Tales of) e ci sono arrivata ben 7 anni dopo a guardare l’anime “grazie” a un maledetto virus che ci ha sigillati in casa…assurdo!

Quali sono i miei personaggi preferiti della serie?

  1. Ho un debole per i personaggi malvagi e i vampiri quindi 1+1= DIO BRANDO.

2) Giorno Giovanna e (Mamma) Bruno Bucciarati.

Non in senso “ship”, non sono una fujoshi quindi non sto cercando di vedere gay ovunque. Semplicemente, non so scegliere. Mi piacciono entrambi i personaggi. Giorno è figlio di DIO e a soli quindici anni è diventato capo di Passione (a quell’età Dio stava a contendersi la fidanzatina con Jonathan *cough*). Avrei voluto vedere Giorno scavare nel suo passato ma Araki ha evitato di approfondire questo tema.

Bruno ha il caschetto e il look più stiloso di tutti. Ho apprezzato la sua leadership e l’istinto materno ahahaha…scherzi a parte, per me è il best JoJo Bro.

3) Rohan Kishibe

Heaven’s Door è un potere fighissimo! Adoro la sua arroganza perché sa benissimo di potersela permettere, è solo un po’ meno affascinante quando si mette a leccare insetti….

L’episodio in cui gioca d’azzardo con Josuke mi ha fatto piegare in due dal ridere, uno dei migliori episodi di sempre.

 

Siete ancora qui e non avete ancora recuperato JoJo’s Bizarre Adventure? Fidatevi di Neige e se dopo averlo visto non vi è piaciuto vi riempo di ororaoraora!