Arezzo Comics 2013

E’ abbastanza strano pensarlo ma questo è stato il ultimo Arezzo Comics.

Il “livello” è rimasto invariato dallo scorso anno e per fortuna anche il costo del biglietto (…ma 5 euro rimangono comunque troppi per una fiera così piccola! ).

Quest’anno ero interessata solo a far acquisti, la scorsa edizione a sorpresa tornai con un paio di Action Figures pentendomi di non essermi portata abbastanza denaro dietro, così questa volta sono partita organizzata e mi sono portata a casa diverse cose:

Photobucket

Il primo acquisto è stata un AF di Mawaru Penguindrum, già al Lucca ero tentata di comprarne una ma fra il casino generale ci rinunciai.

Ho ricomprato l’artbook di Evangelion, diversi anni fa ebbi la malsana idea di regalarlo, malsana sia perchè mi piaceva sia perchè la persona in questione non se lo meritava come l’artbook di Chrono Cross gah, così mi ero promessa che appena l’avrei ritrovato sarebbe stato di nuovo mio, detto fatto.

Per quanto riguarda Gurren Lagann, avevo comprato il numero 1 quando iniziarono a pubblicarlo nel 2010 ma sapendo che non era ancora concluso l’avevo lasciato in sospeso fino al giorno in cui ne avrebbero annunciato la fine (a luglio il decimo ed ultimo volume in Giappone), non si può paragonarlo all’anime ma ero comunque curiosa di leggere la versione cartacea, chiamatelo collezionismo o qualcosa del genere.

Per vedere qualche cosplay ( non che ce ne siano mai stati molti ) avrei dovuto attendere il pomeriggio ma non ne valeva la pena fra l’altro le foto vengono sempre orrende per via della poca luce.

Photobucket

tipico stand che odio: le kawaii cinesate

Fiere importanti come Lucca Comics ed il Romics non si salvano dalla merchandise cinese, figuriamoci l’Arezzo Comics, c’era un peluche\portachiavi di Flareon con l’etichetta ” I <3 Eivii” quanto avrei voluto fargli una foto peccato che la negoziante mi fissava sperando che glielo comprassi *13 euro di ciofeca, anche no*.

Photobucket

stand giapponesi poco giapponesi

Quest’anno c’era anche un nuovo stand dedicato al “””Giappone”””, per vender qualcosa si sono dovuti abbassare a spacciare orecchie da gatto di peluche e Narut(t)o fra hashi e maneki neko.

Continuerò sempre a preferire gli acquisti online per non dire direttamente in Giappone ma sono comunque soddisfatta di non esser tornata a mani vuote ed aver recuperato il recuperabile.

…ed oggi a Genova c’erano le conferenze del Videogame Design Days.

0 commenti

  1. Mentre ho letto l’intervento ero su Skype con i miei amici, ho letto ad alta voce la parte dell’artbook di Evangelion e si è levato un coro di insulti per la persona che non se lo meritava. Siamo tutti contenti che ne hai trovato uno per te.

    Tutti = io, jeko (il mio migliore amico, quello famoso), ema (doppio gesù lol)

  2. Mi chiedo quali altri tipi di Artbook vendevano oltre a questo e se Tales of è sempre il solito prodotto di nicchia.
    Tanto ho capito che l’80% dei prodotti venduti percorrono le serie del momento (One piece, Naruto, Final Fantasy, Gundam, ecc.). <_<

    Dannazione!! Mi sono perso quelle le poche conferenze che fanno dalle mie parti, visto che molte si svolgono al sud o al centro della penisola, irraggiungibili.
    Per caso ci sei stata?

  3. x Tsukasa: grazie, se ti dico poi cosa mi ha regalato a sua volta per il mio compleanno volano direttamente bestemmie XD.

    x Devib: Tales of come al solito niente, ho chiesto e neanche sapevano cosa fosse “of cosa?” XD.

    Per gli artbook, c’era diversa scelta per gli appassionati di fumetti ma non per noi, il vero problema in generale, è che tanti prodotti erano palesemente made in china ed altri non erano del nostro genere come a esempio lo stand con merchandise originale ed autografata (!) di cantanti giapponesi e koreani pop di cui non avevo mai sentito parlare lol.

    Purtroppo no, ne sono venuta a conoscenza ieri ma ho letto che la fanno tutti gli anni (quest’anno era la seconda edizione ) quindi per il prossimo anno non mancheremo! è_é

  4. Bisogna stare attenti purtroppo a fare certi regali, magari ci si dedica tempo, affetto e soldi quando poi non ne vale minimamente la pena. Purtroppo sono cose che si scoprono sempre dopo. Se poi contraccambiano in maniera deludente come mi hai fatto intendere… o.ò

    Spero che Patata sia all’altezza!

  5. La mia idea è che non conti il valore intrinseco di un’oggetto, puoi anche non azzeccare un regalo a chi non è capitato, ma quando ricevi qualcosa scelto a random, all’ultimo e si nota palesemente ciò non puoi che farti qualche domanda.

    Non so di cosa si tratti Patata, ma sono certa che ti sei impegnato per trovare qualcosa che mi piaccia quindi è già un regalo apprezzato (…e non dovevi!)

  6. bellissima la AF di mawaru penguildrum (spero d’averlo scritto bene), l’anime è nella mia lista degli anime da vedere.

  7. Le cinepacchianate che ormai infestano le fiere e che vendono pure angosciantemente tanto XD (sono anche rimasta molto sconvolta dalla quantità di banchetti con cuscini hentai che c’erano a lucca….la fauna delle fiere inizia a diventare inquietante)

    bellissima la gashapon *__*

  8. x jbc.irving: mi fa piacere che ti piaccia, l’anime merita molto, ultra consigliato!

    x Kiu: davvero, è assurdo poi che in pochi se ne accorgano XD, ok che raramente alcune non sono facili da sgamare ma…. EIVII XD.

    Quei dakimakura effettivamente stanno prendendo un sacco campo, ho iniziato pure a vedere quelli per ragazze…wtf!?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *