Anime Parade -Febbraio-

Per l’Anime Parade di gennaio\febbraio ho limitato le trashate, in realtà avrei visto un’episodio di Amnesia ma era così soporifero che non sono riuscita a scriverci qualcosa di decente così a questo giro è tutto sotto la tag “anime”.

Mirai Nikki
Per metà serie credevo di avere di fronte un anime valido, sono arrivata all’ultima puntata decisamente delusa.

La premessa era abbastanza scontata “Survival Game, chi sopravvive diventa Dio”, ciò che lo ha reso interessante ai miei occhi invece sono stati i diari in grado di prevedere il futuro, il protagonista e la sua relazione con una stalker yandere ed i personaggi secondari che nonostante siano stati caratterizzati bene dal design al background, muoiono nel giro di poche puntate lasciando un senso di incompiutezza.

Ancora oggi dopo aver visto Yukki uccidere i suoi amici, perdere la sua famiglia in una escalation di tragedie, non capisco come abbiano potuto resettare il tutto con “c’è un’altra dimensione, lì sono tutti felici, nessuno è morto!”.

Si sfiora il trash quando Murumuru e Ninth combattono volando, sembrava una puntata di Dragon Ball e poi diciamolo, una nana viola non è esattamente l’antagonista che ti aspettavi.

Potrei continuare ancora dal “inventiamo nuove regole del Survival Game per salvare il protagonista al momento del bisogno” passando a come si evolve la faccenda Yukki\Yuno.

Ecco, Yukki\Yuno viene imposta come “OTP”, non importa se Yukki dopo esser stato torturato ed imprigionato da Yuno l’ha mandata a fanculo meditando anche di ucciderla, nel giro di due puntate il sunto ridiventa “Yuno, sei una psicopatica ma non posso vivere senza di te <3”, anche nell’ultima puntata Yukki verrà inseguito da questa armata di mannaia ma indubbiamente si amano, contenti loro.

Hellsing Ultimate

Lo scorso dicembre è uscito l’ultimo OAV. Ho preferito gli ultimi episodi se devo esser sincera.

In generale lato tecnico a parte (ottimo), l’ho apprezzato sia a livello di personaggi che di trama, spesso mi aspettavo che succedessero determinati eventi ed invece mi ritrovavo con tutt’altri risvolti.

E’ un anime che mi è stato suggerito da una persona che tende sempre a darmi ottimi consigli, anche questa volta ci ha azzeccato in pieno perciò colgo l’occasione per ringraziarla ancora una volta.

La ragazza che saltava nel tempo

L’ho recuperato con anni di ritardo, ho trovato abbastanza lenti i primi 20 minuti per poi ricredermi totalmente.

Mi è piaciuto davvero molto e quel “time waits for no one“, dovrei tenerlo più spesso a mente *crisi*.

0 commenti

  1. “Anche nell’ultima puntata Yukki verrà inseguito da questa armata di mannaia ma indubbiamente si amano, contenti loro.” – Sono morto dopo aver letto questa frase XDDD Ma è verissimo, dopotutto, io ancora non riesco a capacitarmi come a qualcuno possano piacere così tanto le personalità yandere. Io personalmente avrei una paura boia di certe ragazze, altro che andarci appresso X°D

  2. Ma tu guarda, io ripudio sia tsundere che yandere (che ancora non comprendo l’attrazione <_< ) e hanno più valore come pin-up per gli arredamenti che come essere "sociale".

    Dannato Giappone che mi stà trasformando in un misogino. -_-

  3. x Haseo: concordo XD, fra l’altro all’inizio il protagonista pensa “ok, se la contraddico so che mi fa a fette, appena ne ho la possibilità fuggo”…10 puntate dopo li vedi in abiti nuziali, qualcosa è andato storto XD.

    x Devib: addirittura misogino? XD neanch’io apprezzo molto yandere e tsundere (eccezioni a parte), speriamo che passino di moda, non sono molto fiduciosa ma mai perdere la speranza.

  4. E chi la perde la speranze, specie se la medesima mi spinge a cercare storie valide tra anime e manga.
    Lo spero anch’io, cosi l’ambiente si ripulisce un pochino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *